Carissimi Fratelli e Sorelle, “grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo” (1Cor1:3). Vi saluto con la Parola di Paolo da Malta, l’isola di San Paolo. E’ un saluto che in questo momento cosi’ difficile per il mondo intero che ci riempa di coraggio e di speranza nel nostro Santo Dio.

Carissimi, questo e’ un periodo eccezzionale ma anche un’occasione da sfruttare per tornare sul cammino insegnatoci dal Signore, aprendo i nostri cuori a lui per ascoltarlo.
In un mondo stravolto da tensioni e panico ricordiamo che “tra i perfetti parliamo, sì, di sapienza, ma di una sapienza che non è di questo mondo, né dei dominatori di questo mondo che vengono ridotti al nulla”(1Cor2:6). Parliamo di una sapienza divina della Parola del nostro Signore Gesù Cristo. Nel buio intorno siamo esortati a portare avanti la luce che guida i passi del nostro cammino, la luce che abbiamo ricevuto nel Sacramento del Battesimo, ossia dal nostro Cristo Signore.
1. Cristo la Luce Universale
Il Cardinale Lean Joseph Suenens, Primate Ecclesiastico del Belgio durante il Concilio racconta un aneddoto.
Uno studioso domandò alla gente intorno: “ Cos’è la cosa più importante al fine che l’uomo non muoia di fame?
Tutti risposero prontamente “il pane”. Lo studioso invece ribattè “No, la cosa indispensabile per l’uomo per non morire di fame è il SOLE. Il sole dona la luce, il calore e la salute.
In mancanza del Sole non germoglia ne cresce il grano, e non ci sarebbe il pane.
Ora invece il Cardinale fa a noi Cristiani la seguente domanda: “Cos’è più importante a fine che non muoia la vita Cristiana?
E la risposta è che l’uomo ha bisogno della VERITA’ DI DIO,
Cristo è la luce. Teniamolo sempre presente.
1. La nostra luce non è un oggetto, ma una Persona, Cristo.
2. Gesù parlò loro: «Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita».(Gv8,12)
3. Gli esempi e gli insegnamenti che ci pone Cristo nel Vangelo sono:
– Un modello su cui organizzare la nostra vita.
– Sono le soluzioni a tutti i problemi che l’uomo incontra nel suo cammino.
Accogliamo la Luce.
Troviamo la luce nella Parola del Signore.

A) Venerata
B) Divulgata
C) Spiegata
D) Vissuta da chi udisce o la legge.
In questi tempi difficili uniamoci a impegnarci maggiormente per:
1.Comprendere l’importanza ed il Valore della parola del Signore.
Il documento del Concilio “Dei Verbum” indica che “ La Chiesa ha sempre venerato il Corpo stesso di Cristo non mancando di nutrirsi del pane di vita dalla mensa sia della parola di Dio che del Corpo di Cristo”.(n.21)

2.Avvicinarsi alle Sacre Scritture.
Papa Benedetto esortava i giovani “avvicinatevi alla Sacra Bibbia e tenetela vicino a voi, sara’ la bussola che vi indica la vostra strada.
“Quando leggete la Sacra Bibbia imparate a conoscere Gesù” perché San Girolamo spiega:
“Chi non conosce la Sacra Scrittura non conosce Cristo”.
Aggiunge Papa Benedetto “Chi ascolta e segue la Parola del Signore imposta la propria vita su basamenti saldi. (Messaggio di Papa Benedetto ai 21 Giorno della Gioventù 2006

3.Ascoltiamo la parola del Signore.
Qualche giorno fa Papa Francesco ci suggerì che “Cristo Gesù bussa alla porta del nostro cuore tramite le parole delle Sacre Scritture. Se noi lo ascoltiamo e apriamo la porta del nostro pensiero e del nostro cuore, Gesù entra nella nostra vita e resta per sempre con noi.”

4.Diffondi la luce attorno a te.
Come si può fare ciò? Papa Francesco propone due suggerimenti:
– Viviamo il Vangelo nella nostra vita quotidiana.
– Diamo testimonianza del Vangelo

1.Viviamo il Vangelo nella nostra vita quotidiana.
Il Beato Charles de Foucauld spiegava:
“Desidero diffondere il Vangelo con tutte le mie forze. Se non vivo il Vangelo, Gesù non vive in me”.

Mahatma Ghandi pur essendo di credo Hindù ha espresso grande apprezzamento per Cristo ed il Vangelo.
Ebbe occasione di interloquire con un cristiano facendo riferimento alla seguente metafora della rosa:
“Una rosa non ha bisogno di predicare, spande semplicemente la sua fragranza, ed essa viene percepita anche da un non vedente. Se la rosa non necessita un agente tanto meno il Vangelo di Cristo. Cosi’ la fragranza del Vangelo di Cristo dovrebbe quindi essere comunicata dal buon esempio e le buone azioni nel quotidiano di tutti”.

2.Dare testimonianza del Vangelo a tutto il mondo.
“Voi siete la luce del mondo. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini. (Mt 5,14-16)

Don Werenfried Van Straaten, fondatore dell’associazione “Aiuto alla Chiesa che soffre” si adoperò alla stampa e la diffusione di migliaia di copie della Bibbia in tutte le lingue a costo zero nei paesi sotto il regime comunista. Egli diceva:
“Il vangelo e’ stato stampato in milioni di copie e si può acquistare in tutte le lingue. L’uomo dei nostri tempi nella presente società fuorviante non interessa il Vangelo in versione cartaceo, ma cerca il Vangelo vivo, l’esempio vivente che rispecchia l’insegnamento del Vangelo. La società d’oggi chiede una testimonianza non di parole ma di esempio vivo.”

Condividiamo insieme queste riflessioni sulla Parola di Dio in questo periodo significativo della Quaresima che invita tutti a seguire il percorso “per crucem ad lucem”.

Vi saluto e vi benedico,
Can. Don Robin Camilleri (Senglea, Malta)

X